Innamorata dei Paint Chips!

Il poco tempo che ho a disposizione non mi impedisce, come sempre, di navigare su Pinterest alla ricerca di ispirazione.

Mi sono imbattuta per caso in un sito di campioni omaggio, sul quale ho scoperto la possibilità di richiedere a casa propria i campioni colore che danno, per intenderci, nei negozi di vernici.

paint

Eccoli qui! In inglese si chiamano PAINT CHIPS, e cercando su Google paint chip samples troverete un lungo elenco di aziende che li inviano gratuitamente a casa dei potenziali clienti*.

Tastiera alla mano, tisana nell’altra, ho iniziato quindi a scrivere mail di richiesta per ottenere qualche campione anche per me. Non potete capire la meraviglia quando mi sono vista recapitare quelle schedine tutte colorate!

Ancora non ho ben deciso cosa farne (ahimè, sono molto metereopatica e la mia creatività durante l’inverno va in letargo) ma voglio condividere con voi qualche idea che mi ha incuriosita da subito, e che non mi dispiacerebbe avere in casa o in ufficio.

*Per i più sensibili… Sappiate che c’è tutta una polemica sul fatto che non sia corretto “sfruttare” questa modalità di invio gratuito per fini creativi in quanto i campioni sono costosi e destinati ai futuri clienti, ma io credo che se le aziende di una certa portata li inviano con una tale facilità di sicuro non ci perdono niente! E poi, diciamocelo, dopo aver visto alcune colorazioni sono anche io una potenziale futura acquirente, pertanto non mi sento in colpa XD

Annunci

Secret Santa: cosa ho ricevuto!

Vi avevo parlato di recente del Secret Santa organizzato da Cindy, e in particolare di ciò che stavo spedendo alla ragazza che mi era stata assegnata. Oggi, in super ritardo sul Natale e di ritorno da una calda vacanza, dedico invece il post a ciò che ho ricevuto.

Si tratta di un Secret Santa tematico e molto insolito, realizzato da Bambola con Vista.
Una bambola (avete capito bene) che se ne va in giro per il mondo a fotografare attimi e raccogliere ricordi. Dietro tutto questo c’è Laura, una ragazza che non conosco ma che adesso mi sembra di conoscere da sempre grazie agli occhi della sua bambola Fanella.

Il pacchetto conteneva infatti una serie di illustrazioni realizzate a mano da Laura partendo dall’incisione di una lastra di linoleum successivamente riprodotta con la tecnica del timbro; i disegni hanno come soggetto proprio la bambola, ritratta in varie parti del mondo: la Tour Eiffel, il Golden Gate e via dicendo. Una figata!

bcv

Per una persona come me, che impazzisce alla vista di un pastello, è stato bello e confortante ricevere qualcosa che fosse fatto a mano da altri per me.

In più, nel pacchetto erano presenti diversi ritagli di giornali datati tra cui c’erano immagini e parole d’ispirazione, carte geografiche dal sapore vintage, francobolli d’epoca, una foto antica e una moneta da 20 lire che conservo già nel mio portagioie. Un insieme di cose curiose che mi hanno divertita per una buona mezz’ora!

Ho appeso l’illustrazione di Parigi, città a me molto cara, nel mio ufficio, come ricordo di questa simpatica iniziativa. I ritagli di giornale penso li userò invece per un progetto creativo futuro, dando loro una terza nuova vita.

Sono felice di aver conosciuto una creativa e ho il piacere di presentarla anche a voi indicandovi il suo blog e la sua pagina Facebook, andate a visitare Laura e Fanella!

Secret Santa. Ovvero, la Gioia.

Processed with VSCO

Processed with VSCO

Di quanto amo il Natale penso di averne già parlato.
Nonostante questo sia il periodo più frenetico e stressante dell’anno, mi pervadono comunque un sentimento di gioia e un’incredibile energia.

Per questo motivo, non appena ho scoperto il Secret Santa organizzato da A casa di Cindy non ho saputo resistere.

In sintesi, si tratta di un gigantesco scambio di doni che attraversa tutta la penisola con una particolarità: l’identità del donatore e del ricevente sono sconosciute fino al momento dell’arrivo del pacchetto.

L’idea di far arrivare un regalo in una parte d’Italia che non si conosce, e il pensiero che qualcuno “dall’altra parte” aspetti il mio pacchetto, mi rende felice!

Non posso svelare il contenuto dei pensierini che ho inviato per correttezza nei confronti della destinataria, ma presto vi parlerò di ciò che ho ricevuto io.

Vi lascio quindi soltanto due foto dell’esterno dei pacchetti, che ho decorato grazie al tempestivo arrivo dei miei nuovi pennarelli calligrafici Tombow (il mio kit è molto più ridotto di quello linkato, ma se ci fosse un Secret Santa all’ascolto potrebbe intervenire in merito con mia grande riconoscenza!).

Mi preparo all’ultima settimana di “tin tin tin” e vi saluto!

SaraCrea

Tutorial per Natale: albero di lana e ghirlanda rustica

Christmas

Giocare d’anticipo è importante. Soprattutto quando si parla di Natale!
Per questo motivo, ieri ho deciso di dedicarmi a realizzare due DIY con i colori che ho scelto per il 2015, bianco, grigio e tortora. Si tratta di un piccolo albero di Natale in lana, e di una ghirlanda da appendere alla porta.
Il primo progetto è molto semplice e si può addirittura realizzare con i bambini, mentre il secondo necessita di diversi passaggi e richiede un’abilità di base nel cucito, quindi lo consiglio soltanto a chi ha un pò di esperienza. Ecco a voi la spiegazione!

ALBERO DI NATALE IN LANA (facile)

Occorrono un gomitolo di lana grossa, un foglio di cartone, della colla a caldo o vinilica non diluita e delle perline o materiale vario per le decorazioni.


– prendi un foglio di cartoncino del colore desiderato (il mio è ovviamente bianco), arrotola a forma di cono e fermalo con della colla a caldo o dello scotch dalla presa forte;

– taglia il cono alla base in modo che appoggi bene, e infila un’estremità della lana nell’apice del cono, fermandola all’interno con un punto di colla;

– arrotola la lana intorno al cono di cartone, applicando ogni tanto la colla per tenerla ben ferma. La lana si può applicare in modo “casuale” oppure, come ho scelto io, con un movimento circolare ordinato;

– infine, applica le decorazioni che preferisci. Io ho scelto delle palline in polistirolo bianco con un leggero effetto glitterato, che ricorda la neve.

GHIRLANDA RUSTICA (media difficoltà)
Per questa ho usato un foglio di feltro rigido colore grigio melange, dello spago rustico grosso, del filo di ferro sottile, della lenza sottile, del filo bianco e un ago, del cotone, delle pigne vere o sintetiche, piccole palline di polistirolo bianco e due fiocchi di neve in polistirolo.


La ghirlanda è composta di vari elementi, vediamone insieme la preparazione:

FIOCCO IN FELTRO
per ritagliare ed assemblare il fiocco, segui questo template;

FORME NATALIZIE IN FELTRO
Taglia le forme di una stella a sei punte ed una pallina natalizia, ognuna in due copie (una per il fronte e l’altra per il retro); con il filo bianco, decora le due forme da entrambi i lati utilizzando un motivo a piacere. Io ho scelto il fiocco di neve per la stella, e dei semplici motivi geometrici per la pallina; cuci i due lati delle forme natalizie inserendo all’interno il cotone che farà da imbottitura e le renderà 3D.

FILI DI PALLINE IN POLISTIROLO
Con la lenza sottile (io ho usato quella che serve per il soutache), infila 5-6 palline che distanzierai tra loro fermandole con la colla a caldo sopra e sotto. Mi raccomando, fai un punto di colla piccolissimo perchè non deve vedersi!

FIOCCHI DI NEVE
Questi li ho trovati già pronti, ho semplicemente bucato l’interno e inserito lo spago della lunghezza desiderata.

PIGNE
Con il filo di ferro, crea dei gancetti con asola finale in cui inserirai lo spago; io ho utilizzato solo due pigne perchè non voglio una ghirlanda grossa, ma puoi metterne quante ne vuoi.

ASSEMBLAGGIO
Prendi tutte le parti sinora realizzate, e fai passare lo spago dietro il centro del fiocco. Lega tutto insieme et, voilà! Ecco la tua ghirlanda.

Spero di essere stata di spunto per i vostri progetti natalizi, e tornerò presto con nuove idee!

P.S. Per chi non lo avesse già letto sul mio Instagram, le decorazioni color tortora affianco all’albero le ho comprate alla Lidl.

SaraCrea

 

Bianco progetto… In vetrina!

Se c’è una cosa che mi fa impazzire…” diceva una canzone. Beh, se quella cosa esiste, è il Natale.
Amo da sempre le sue luci, i profumi e quell’atmosfera di festa che alla fin dei conti coinvolge sempre anche i più refrattari.

Anche quest anno, come sempre, mi ero ripromessa di non iniziare troppo presto con i preparativi, per evitare di trovarmi sommersa da metà novembre. E invece, se io non vado al Natale il Natale viene da me!

Mi è capitato di poter collaborare ad un progetto “total white” che ha addobbato di bianco le vetrine di un negozio cittadino, e per l’occasione ho pensato di realizzare degli acquerelli monocolore sui toni del tortora, che sono stati applicati su dei grandi biglietti di auguri.

Ho utilizzato le frasi di alcune canzoni natalizie, inglesi ed italiane, e delle parole che evocassero il Natale senza però citarlo del tutto (ahimè, è ancora presto!). Ecco qualche foto del risultato. Per chi fosse di Sassari e dintorni, è possibile ammirarlo dal vivo presso le Messaggerie Sarde in Viale Italia 28. C’è anche un’altra bellissima vetrina che partecipa al progetto con il tema dell’autunno, ed è quella di Desole Abbigliamento nella stessa via!

Processed with VSCO with a5 preset
Processed with VSCO with a5 preset
vetrina_2vetrina

Decorazioni per un compleanno shabby

“Per un amico fedele, non c’è prezzo,
non c’è peso per il suo valore.”

Siracide 6

Chi mi segue su Instagram (grazie!) avrà visto questa foto qualche giorno fa.

Si trattava dei preparativi per un compleanno speciale: una cara amica mi ha chiesto di aiutarla ad allestire il tavolo per una festa che voleva venisse ricordata, e abbiamo scelto insieme di impostare come tema i libri e il color tiffany.

Il risultato sono state delle decorazioni un pò shabby, sobrie ma di carattere, per festeggiare un momento importante in cui tante amiche si sono ritrovate insieme allo stesso tavolo. Dai commenti della festeggiata e delle altre invitate, credo che abbiamo ottenuto l’effetto sperato.

Facciamo parlare le foto!

La ghirlanda di cuori (grazie, Big Shot), le tovagliette dipinte a mano e il barattolo/centrotavola

6

Preparazione del centrotavola, i timbrini utilizzati per decorare, un vasetto che fungeva da peso per i palloncini

10

Il bigliettino a tema, i miei adorati acquerelli e un dettaglio del centrotavola

12

 Il tavolo!
Il locale è Io Pizza, pizzeria di Nuoro che, tra le altre cose, realizza pasti e pizze per celiaci.
Ecco la loro pagina Facebook.

Succulente. I progressi!

Qualche tempo fa avevo scritto un post sulle succulente ed il mio amore per loro.
Per non aver mai avuto il pollice verde, devo dire che mi sto impegnando parecchio.

Nelle ultime settimane sono stata molto impegnata, ma questo non mi ha impedito di proseguire con i due progetti di cui vi avevo parlato: delle succulente dipinte sui sassi, ed un mini giardino verticale di piante grasse.

Ecco le foto dei progressi (uno dei due ancora work in progress).

Questa è una composizione fatta con grandi ciotoli di mare. Ho scelto delle pietre che ricordassero la forma delle piante che volevo rappresentare, ma senza troppo impegno. La pietra più grande, infatti, ha una forma piuttosto improbabile per un cactus! Ma bisogna anche accontentarsi di ciò che la natura offre e quindi l’ho presa comunque 🙂

Ho dipinto le pietre facendo prima le basi di diverse tonalità di verde, con l’uso degli acrilici.
In seguito, dopo aver atteso (poco, visto che sono porose) che si asciugassero, ho dipinto i dettagli con un pennello sottile.

Ho acquistato un sottovaso di colore neutro e della piccola ghiaia bianca, e le ho sistemate in una composizione (foto 4).
Alcune persone incollano le pietre al sottovaso, ma ho pensato che non fosse necessario quindi ho scelto di non farlo.

Ed ecco le foto!

Io ho usato pietre molto grandi (altezza media 12 cm) ma penso che il progetto si presti anche per pietre più piccole (dipende da quanto si è bravi con i dettagli), e quindi vada bene per un piccolo pensiero da regalare a chi ha la passione per queste piante.

cac1 cac2

cac3


L’altro progetto invece riguarda il giardino verticale di piante grasse.

Come accennato qui, ho acquistato un banale setaccio da cucina al quale ho siliconato un fondo di compensato ed uno strato di pellicola in plastica (come impermeabilizzante); ho prelevato le piante dal giardino della casa al mare, le ho piantate in un’insalatiera (avete letto bene) per qualche settimana in modo che le loro piccole radici attechissero e, una volta pronte, le ho trasferite nel setaccio bucando la rete con le pinze qua e la per infilare prima la terra e poi sistemarle a dovere.

La difficoltà sta nel fatto che i buchi sulla “zanzariera” del setaccio devono essere molto piccoli e precisi, per evitare che una volta posto in verticale il nostro quadro perda frammenti di terra. Quindi, mi sono aiutata con un cacciavite per inserire al meglio terra e piante.

Nel caso in cui ve lo stiate chiedendo, non è possibile fare il procedimento inverso (mettere prima terra e piante e poi aggiungere la zanzariera), se mai deciderete di provare il DIY capirete perchè!

Alla fine mi sono accorta che la quantità di piante non era sufficiente a coprire tutto lo spazio con armonia quindi lo stato attuale del progetto è quello nella foto numero 3; presto prenderò delle altre piantine per integrare.

L’ultima fase prevede qualche settimana di “attesa” in orizzontale per fare in modo che le piante si adattino, fino a quando le radici saranno ben salde e si potrà mettere una cornice con gancio per appendere il nostro giardino verticale come se fosse un quadro! Spero che le piante possano arrivare incolumi a questo passaggio (foto 4), in tal caso lo documenterò nel modo più appropriato.
suc1 suc2 suc3 suc4

L’ultima foto è stata presa da Living Wall Art